SupeRobotica. Una festa con i robot alla Scuola Locchi (20 Maggio 2017)

20 MAGGIO 2017, FESTA DELLA SCUOLA LOCCHI IN VIA PASSERINI 8 A MILANO

di Stefania Bussini

“Bene ragazzi, abbiamo lavorato tanto con il Coderbot in questi mesi: che ne dite di far vedere a tutti i nostri sforzi?”

E’ iniziata così, con una domanda che stimolasse l’interesse e la voglia di mettersi in gioco, facendo leva sul piacere dei bambini di mostrare le loro capacità e le cose fatte.

Quale occasione migliore per attivarsi in vista della festa della scuola Locchi in via Passerini 8 a Milano? Cade proprio il 20 maggio, durante la “Educational Robotics Week” e nella stessa giornata del convegno nazionale “Giocare a pensare. Metodi e tecnologie per l’uso educativo e didattico dei robot”: niente succede per caso!

Si comincia a decidere insieme cosa si vuole raccontare dell’esperienza fatta, strutturando una specie di bozza che, appesa al muro, viene via via modificata, corretta, usata come promemoria del “questo è stato fatto…questo è da fare…”. Il primo desiderio dei bambini è far giocare chiunque verrà a vedere la postazione, un po’ come hanno sperimentato come utenti lo scorso anno, visitando il X Festival della Robotica Educativa presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Diciamo che un po’ tutto è nato da lì, perché i bambini hanno partecipato con entusiasmo ed interesse al Festival, curiosi, motivati a capire, a fare. È necessario quindi essere all’altezza del loro interesse, prepararsi, saperne di più, sfruttare la loro curiosità per condurli da semplici spettatori ad attori nel coding, perciò diventa naturale scegliere di formarsi e quindi iscriversi al corso “La robotica educativa: metodologie di progettazione, conduzione, e valutazione di esperienze didattiche in contesti scolastici ed extrascolastici” organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione della Bicocca.

Durante il corso si progetta e in classe si sperimenta, in co-conduzione con Alessandro e Matteo, colleghi di corso ed esperti di tecnologia.
Tutto quanto porta dunque all’evento del 20 maggio con la postazione “SupeRobotica”.

Sarà presente uno spazio illustrativo con foto del percorso e relative didascalie per raccontare un lavoro svolto in piccolo gruppo, dove l’approccio intuitivo ha guidato tutte le fasi di esplorazione e quelle di progettazione, partendo dalle preconoscenze. Nella fase di programmazione del Coderbot sono emersi i primi ostacoli cognitivi e la ricerca di soluzioni: “Quanto è lungo un avanti?”, “ Di quanto ruota ogni volta?”, “ Ma se ho fatto 4 avanti ed è arrivato qui, allora ne faccio 8 e fa il doppio?”

La sfida è stata alzare ogni volta la richiesta per attivare la ricerca di soluzioni: progettare un percorso con delle ripetizioni, poi un percorso con ostacoli da evitare, far verificare la correttezza della programmazione ad un altro gruppo, confrontare i comandi del Coderbot con quelli di Scratch.

Sui pannelli esplicativi saranno riprodotti i comandi conosciuti ed utilizzati, sia per il Coderbot sia per scratch. La parte interattiva della postazione prevede poi attività da fare con il Coderbot: utilizzando la schermata di comando o, se il visitatore è già esperto, quella di programmazione, muovere il Coderbot su una pavimentazione a tassellazioni “Campo alla Escher” o su una pavimentazione a quadrati contenenti delle lettere: l’idea è che il visitatore scelga su quale percorso far muover il Coderbot.

Sarà possibile provare ad utilizzare Scratch. In altre postazioni ci saranno giochi relativi alla robotica, ma che si richiamano a giochi già conosciuti:

  • il gioco dell’impiccato con una scelta di parole adeguate all’età dei bambini
  • il memory e i puzzles con immagini utilizzate in questo percorso.

I bambini della IV C accoglieranno i visitatori spiegando l’attività svolta e invitandoli a giocare. La postazione sarà aperta tutto il giorno, lo spazio giochi fino alle ore 12.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *